Amare tradire, di Aldo Carotenuto

27 Settembre 2020

 Il tradimento ripugna alla nostra coscienza di ”puri”, ma, afferma l’autore, è un’esperienza ineluttabile. Dopo aver percorso i drammi della solitudine dell’amore in Eros e Pathos, Aldo Carotenuto affronta il delicato tema del tradimento inteso come atto necessario perché la psiche sia iniziata al mistero della vita e dell’amore. Tradire ed essere traditi significa infatti essere consegnati a un destino di ricerca costellato di cadute e di sconfitte, significa riconoscersi come quegli esseri separati che per ricostituirsi come soggetti devono affrancarsi da dettami e modelli collettivi, devono dunque ”tradire”. Ogni individuo deve emanciparsi da tutto ciò che lo mantiene fedele a un’immagine di sé che non gli corrisponde, e che risponde invece alle richieste dell’ambiente sociale o al desiderio dei suoi interlocutori. Perciò questo processo comporta spesso situazioni di rottura destinate a segnare la nostra vicenda umana: dal tradimento perpetrato dal genitore sul figlio non ancora nato come già ”immaginato” a quello all’interno del rapporto di coppia, per passare in rassegna altri suoi volti meno consueti. Il tradimento del corpo, della malattia, della morte, ossia l’esperienza del limite vissuta come scacco e come fallimento definitivo dell’esistenza. Senza tradimento non si dà possibilità di riscatto: a noi la scelta.
Cassoni, 3 euro

 

Iscriviti alla nostra Newsletter per restare sempre aggiornato sulle ultime novità, le iniziative e gli incontri di IoCiSto.