Fontamara – Il segreto di Luca, di Ignazio Silone

24 Luglio 2020

Nei primi anni della dittatura fascista a Fontamara, “un antico e oscuro luogo di contadini poveri nella Marsica”, i “cafoni” subiscono soprusi e ingiustizie così antichi da sembrare naturali come la neve e il vento. Berardo Viola, che porta una scintilla di ribellione, subirà le torture della milizia fascista e sarà ucciso, ma assurgerà a emblema di un nuovo, seppure ancora impreciso e velleitario, livello di dignità. Opera intessuta di una precisa verità storica, Fontamara fonde la ballata popolare, la parabola evangelica e la satira politica in una partitura corale che si fa violenta denuncia di ogni ingiustizia.

Luca Sabatini ritorna al paese natale in Abruzzo dopo quarant’anni di prigione: il vero colpevole del delitto ha confessato in punto di morte. L’intero borgo però non perdona a Luca quel presunto “peccato” che è stato foriero di rovina per tutti, né gli perdona di non aver tentato di difendersi. Uomo mite, Luca sopporta la solitudine sorretto dal segreto ricordo di un amore impossibile. Solo Andrea Cipriani, antifascista e capo partigiano appena tornato dall’esiilio, cerca di comprendere, attraverso un’ostinata e difficile inchiesta contro omertà irriducibili, le ragioni dell’ingiustizia che ha straziato la vita di Luca.

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere la Librellula e restare aggiornato sulle ultime novità, le iniziative e gli incontri di IoCiSto.