Cronache napoletane – Il gallo di Renato Caccioppoli

Presentazioni

Dettagli incontro

  • Piazzetta Anno 0
  • 2 Luglio 2020
  • giovedì, 18:30 - 19:30

Contact event manager

1 2 3 4

Book your tickets

Thank you Kindly

Cronache napoletane – Il gallo di Renato Caccioppoli

Via Cimarosa 20, Napoli

giovedì, 18:30 - 19:30
2 Luglio 2020

000000

Cronache napoletane – Il gallo di Renato Caccioppoli

Via Cimarosa 20, Napoli

giovedì, 18:30 - 19:30
2 Luglio 2020

STAMPA

CRONACHE NAPOLETANE – IL GALLO DI RENATO CACCIOPPOLI

di Jean-Noël Schifano

Presentazione dei libri “Cronache napoletane” e “Il gallo di Renato Caccioppoli” di Jean-Noël Schifano

Sei storie vere sottratte dagli archivi dormienti e dalle memorie anonime che nascondono gli scandali delle più potenti famiglie del regno di Napoli, dal XV al XVIII secolo. Il principe Carlo Gesualdo, compositore d’imperitura fama, assassino della moglie adultera e del suo amante; Lavinia, la religiosa, e Pier Francesco, le cui follie erotiche mettono a ferro e fuoco il convento di Sant’Arcangelo, luogo di abomini; Masaniello, il lazzarone avvelenato dal potere assoluto e che un popolo in delirio acclama, decapita e venera; Tiberio de Vera, sodomita destinato a esemplare supplizio; Tirinella e Alvise massacrati durante i loro trastulli notturni; la bella e misteriosa Orsola, che mai confesserà il delitto della padrona doña Gaetanina Escobar…

Napoli, 1938. Il professor Renato Caccioppoli (1904-1959) è un genio napoletano della matematica universalmente riconosciuto e una figura celebre nella sua città. Di una bellezza diabolica, questo nipote folle di Mikhaïl Bakunin si mette in testa di rovinare l’incontro tutto fanfare e sfilate dei due compari, Mussolini e Hitler, venuti a passare una giornata, il 5 maggio, nella grande Città ricoperta di croci uncinate e fasci. Al culmine del trionfo nazista, di fronte a tutto un popolo e a un’Europa che inneggiano alla guerra, e a un’Italia che, nello stesso anno, vota le leggi razziali, un uomo si leva, ironico nella parola e nel gesto, e ridicolizza il razzismo, il conformismo, la sottomissione, la stupidità. Una storia vera, esemplare, luminosa, folle, ebbra, divertente e tragica.

Dialogano con l’Autore: Donatella Gallone, Bernardina Moriconi e Alvio Patierno

Vai alla nostra pagina fb >>
Scarica la locandina >>