Intransigenze, di Vladimir Nabokov

20 Gennaio 2021
Nabokov aborriva le interviste. Eppure, soprattutto quando diventò una celebrità, dovette subirne alcune. Ma il lavoro di quei malcapitati giornalisti si trasformava in puro pretesto per una strepitosa reinvenzione con cui egli si proponeva innanzitutto di cancellare “ogni traccia di spontaneità, ogni parvenza di effettiva conversazione”. Il risultato fu una sorta di concrezione madreporica, dove con gli anni finirono per depositarsi non tanto le idee quanto le “intransigenze” di Nabokov, come dire le reazioni della sua fisiologia di scrittore ai grandi temi (e spesso alle grandi scemenze, come l'”impegno”) che vagavano per l’aria. Egli spara bordate in tutte le direzioni: dalla letteratura all’arte, dalla politica alla sociologia e alla psicoanalisi.
 

 

 

 

 
 
 
 
Iscriviti alla nostra Newsletter per restare sempre aggiornato sulle ultime novità, le iniziative e gli incontri di IoCiSto.