Non si muore tutte le mattine, di Vinicio Capossela

22 Aprile 2021

Una stagione all’inferno. Dove l’inferno è l’io di chi racconta e insieme la scena, metropolitana, suburbana, in cui si muove, accompagnato dall’amico di sempre, Nutless e dall’amico alcolico e diabolico, Chinaski. Si procede muovendo dal centro verso l’esterno, dal chiuso di uno scantinato verso il quartiere e poi verso l’angoscia delle tangenziali, della piana “ipermercata”, e verso un surreale interregno dove tutto può accadere. Oltre, vi è solo il viaggio, un viaggio lungo le strade defraudate di storia e di vita della “Balcanìa”, verso i confini estremi di “Stanbùl”, nelle taverne in cui la musica del rebetico riconferma vitalità e sconfitta. Epopea di perdenti, unica razza che ha potuto conoscere la grandezza e la bellezza.

Catalogo, 4 euro

 

 

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter per restare sempre aggiornato sulle ultime novità, le iniziative e gli incontri di IoCiSto.