La donna ardente, di Jean-Noël Schifano

16 Settembre 2021
Si chiama Amara e la sua storia si svolge oggi, un po’ domani, appena ieri: dopo l’estate della grande canicola, le stagioni dell’influenza aviaria, in un mondo di flagelli e di caos. Un idillio che volge al melodramma sessuale, fino a una tragica parodia: prima tra un uomo perbene, Gennaro, devoto alla comunità, e una giovanissima donna senza importanza, in apparenza poco intelligente ma in realtà iperdotata, e con un corpo sensualmente fatale; poi tra questa donna-fontana, frizzante e ardente, e un manipolo di vigili del fuoco. La materia narrativa è quella dei fatti di cronaca, dei ritagli di giornale, dei processi: tutto, nella realtà collettiva universale nella quale si inscrive questo romanzo d’amore – perché proprio di un passionale romanzo d’amore si tratta -, è presentato oggettivamente: omicidi, incidenti, stupri, epidemie, con la psichiatria a far sparire tutto ciò, e i racconti eroici o vittimari – è tutt’uno – per travestirlo. Lo sguardo è di un romanziere dalla scrittura minuziosa e allucinata, primitiva come quella degli artisti che hanno scelto di abbattere i limiti del buon gusto, dei divieti morali, e l’oppressione del non detto.
 
 

 

 

 

 
 
 
 
Iscriviti alla nostra Newsletter per restare sempre aggiornato sulle ultime novità, le iniziative e gli incontri di IoCiSto.